Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la  Cookie Policy.

Associazione Italiana Oncologia Medica (AIOM)
in collaborazione con
Società Italiana di Psiconcologia (sezione umbra)
Centro di Riferimento Oncologico Interaziendale della Regione Umbria (CRO)
Azienda Ospedaliera “S. Maria della Misericordia” di Perugia
Azienda Ospedaliera "S. Maria" di Terni
Associazione Umbra Contro il Cancro (AUCC)

Presentano
X CORSO TEORICO ESPERIENZIALE IN PSICONCOLOGIA


La comunicazione è tema centrale in oncologia. L’obbligo di fornire un’informazione corretta non può prescindere dal processo comunicativo. Questo si fonda su di una bidirezionalità operatore-paziente, che utilizza non solo il canale verbale, ma anche quello extraverbale. Tono di voce, frasi figurate, gestualità, mimica, posture, ecc. contengono informazioni preziose che, se sapute decifrare, possono essere utilizzate per migliorare la relazione e rafforzare l’alleanza terapeutica. Role playing e gruppi Balint sono gli strumenti che saranno adoperati quest’anno per la formazione psiconcologica dgli operatori.
La cadenza ogni tre settimane renderà l’iniziativa, più che un evento formativo, un percorso graduale di apprendimento, il cui obbiettivo principale è far sperimentare agli operatori nella pratica clinica quanto appreso, per poi riconfrontarlo negli incontri successivi.


I INCONTRO

- Perugia mercoledì 25 febbraio 2009

Ore 15 Saluto delle autorità (Maurizio Tonato, Lucio Crinò, Cynthia Aristei, Massimo Martelli)
15,30 Introduzione ai lavori (Paolo Catanzaro, Stefania Gori)
16 , 00 Training esperienziale: role playing filmato su “la comunicazione della diagnosi” (conduce: Simonetta Regni)
16, 30 Dibattito (moderano Francesco Milani e Simonetta Regni)
17,30 Intervallo
17,45 Tavola rotonda –
                     la comunicazione in oncologia: quando l’oncologo si confronta con la comunicazione (Stefania Gori)
                     Il punto di vista del medico legale bioeticista (Francesca Baroni)
                     Psicoanalisi  e comunicazione (Francesco Milani)
                     I linguaggi non verbali nel processo comunicativo (Giuliana Nataloni)
19,00 PSICOFARMAONCOLOGIA: gli antidepressivi in oncologia tra supporto ed interferenza con le terapie antineoplastiche (Riccardo Rossetti – Esperienze cliniche: Davide Albrigo)
19,30 Presentazione del libro: “Nuovi sviluppi in psiconcologia” (Paolo Catanzaro e Tullio Seppilli – Modera: Paolo Latini)

- Terni mercoledì 4 marzo 2009

Ore 15 Saluto delle autorità (Maurizio Tonato, Ernesto Maranzano, Fausto Roila, David Lazzari)
15,30 Introduzione ai lavori (Paolo Catanzaro, Stefania Gori)
16 , 00 Training esperienziale: role playing filmato su “la comunicazione della diagnosi” (conduce: Simonetta Regni)
16, 30 Dibattito (moderano Guglielmo Fumi e Stefano Bartoli)
17,30 Intervallo
17,45 Tavola rotonda - la comunicazione in oncologia:
                                                                              quando l’oncologo si confronta con la comunicazione (Stefania Gori)
                                                                              Il punto di vista del medico legale bioeticista (Francesca Baroni)
                                                                              Psicoanalisi e comunicazione (Francesco Milani)
                                                                              I linguaggi non verbali nel processo comunicativo (Roberta Deciantis)
19,00 PSICOFARMACONCOLOGIA: gli antidepressivi in oncologia tra supporto ed interferenza con le terapie antineoplastiche (Guglielmo Fumi – Esperienze cliniche: Daniele Araco)
19,30 Presentazione del libro: “Nuovi sviluppi in psiconcologia” (Paolo Catanzaro e Tullio Seppilli – Modera Paolo Latini)


II Incontro
Perugia mercoledì 25 marzo 2009

!7 ,00 – 17,15 PSICOFARMACONCOLOGIA: Le benzodiazepine nella fase terminale della malattia oncologica (Maura Betti – Esperienze cliniche: Daniele Araco)
17,15 – 18,30 TRAINING ESPERIENZIALE
                Gruppo Balint A (conducono: Davide Albrigo e Roberta Deciantis – osservatore: Giuliana Nataloni)
                Gruppo Balint B (conducono: Maria Cascone e Stefano Bartoli– osservatore: Francesco Milani)
                Gruppo Balint C (conducono: Amparo Valencia-Reyes e Giancarlo Armanni– osservatore: Simonetta Regni)
18, 30 – 19,00 Resoconto degli osservatori (Giuliana Nataloni, Francesco Milani, Simonetta Regni)
19,00 - 20,00 Dibattito (moderano: Paolo Toccacieli e Verena De Angelis)


III Incontro
Perugia mercoledì 22 aprile 2009
17,00 – 17,15 PSICOFARMACONCOLOGIA: Il dolore oncologico: il ruolo degli stabilizzanti dell’umore (Daniele Araco – Esperienze cliniche: Paolo Toccacieli)
17,15 – 18,30 TRAINING ESPERIENZIALE
                     Gruppo Balint A (conducono: Davide Albrigo e Roberta Deciantis – osservatore: Giuliana Nataloni)
                     Gruppo Balint B (conducono: Maria Cascone e Giancarlo Armanni – osservatore: Francesco Milani)
                     Gruppo Balint C (conducono: Amparo Valencia-Reyes e Stefano Bartoli– osservatore: Paolo Catanzaro)
18, 30 – 19,00 Resoconto degli osservatori (Giuliana Nataloni, Francesco Milani, Paolo Catanzaro)
19,00 - 20,00 Dibattito (moderano: Fabio Conforti e Stefano Bravi)


IV Incontro
Perugia mercoledì 6 maggio 2009
17,00 – 17,15 PSICOFARMACONCOLOGIA: La sindrome postmenopausale in oncologia: il ruolo degli antidepressivi (Mariantonietta Colozza, Elisa Minenza – Esperienze cliniche: Paolo Catanzaro)
17,15 – 18,30 TRAINING ESPERIENZIALE
                     Gruppo Balint A (conducono: Davide Albrigo e Roberta Deciantis – osservatore: Giuliana Nataloni)
                     Gruppo Balint B (conducono: Maria Cascone e Giancarlo Armanni– osservatore: Francesco Milani)
                     Gruppo Balint C (conducono: Amparo Valencia-Reyes e Stefano Bartoli – osservatore: Simonetta Regni)
18, 30 – 19,00 Resoconto degli osservatori (Giuliana Nataloni, Francesco Milani, Simonetta Regni)
19,00 - 20,00 Dibattito (moderano: Tommaso Ciacca e Antonio Rulli)


V Incontro
Perugia mercoledì 20 maggio 2009
17,00 – 17,15 PSICOFARMACONCOLOGIA: Ansiolisi in oncologia: oltre le benzodiazepine (Mario Cenci – Esperienze cliniche: Daniele Araco)
17,15 – 18,30 TRAINING ESPERIENZIALE
                     Gruppo Balint A (conducono: Davide Albrigo e Roberta Deciantis – osservatore: Giuliana Nataloni)
                     Gruppo Balint B (conducono: Maria Cascone e Giancarlo Armanni– osservatore: Francesco Milani)
                     Gruppo Balint C (conducono: Amparo Valencia-Reyes e Stefano Bartoli – osservatore: Paolo Catanzaro)
18, 30 – 19,00 Resoconto degli osservatori (Giuliana Nataloni, Francesco Milani, Paolo Catanzaro)
19,00 - 20,00 Dibattito (moderano: Amedeo Cinti e Franco Aversa)

VI Incontro
Perugia mercoledì 3 giugno 2009
17,00 – 17,15 PSICOFARMACONCOLOGIA: Possono alcuni effetti indesiderati da psicofarmaci diventare “desiderabili” per il malato oncologico? (Daniele Araco – Esperienze cliniche: Paolo Catanzaro)
Ore 17 – 18,30 TRAINING ESPERIENZIALE
                     Gruppo Balint A (conducono: Davide Albrigo e Roberta Deciantis – osservatore: Giuliana Nataloni)
                     Gruppo Balint B (conducono: Maria Cascone e Giancarlo Armanni – osservatore: Francesco Milani)
                     Gruppo Balint C (conducono: Amparo Valencia-Reyes e Stefano Bartoli – osservatore: Simonetta Regni)
18, 30 – 19,00 Resoconto degli osservatori (Giuliana Nataloni, Francesco Milani, Simonetta Regni)
19,00 - 20,00 Dibattito (moderano: Roberta Cherubini e Mauro Brugia)

VII Incontro
Perugia mercoledì 17 giugno 2009

17,00 – 17,30 PSICOFARMACONCOLOGIA: Esperienze psicofarmacoterapiche dell’oncologo (Franco Buzzi , Enrichetta Cogna, Guglilmo Fumi)
17,30 – 19,00 La parola ai partecipanti: comunicazioni libere sull’apprendimento tramite il Gruppo Balint (moderano: Francesco Milani e Elisabetta Perrucci)
19,00 - 19,20 Apprendere in gruppo: esperienze cliniche e formative in oncologia (Leda Carciofi)
19,20 – 19, 40 Formazione psiconcologica innovativa (Paolo Catanzaro)
19,40 Chiusura dei lavori e compilazione test ECM


Il corso, a numero chiuso (40 partecipanti), è rivolto agli operatori oncologici. L’iscrizione è di 10 euro per i soci AIOM e SIPO e per gli infermieri e di 75 euro per i medici e psicologi non soci. La partecipazione al corso, subordinata alla data d’iscrizione, dovrà pervenire via fax allo … o all’e-mail … o via posta alla Segreteria Organizzativa entro il 12 gennaio 2009.

La quota sarà totalmente restituita interamente nel caso il richiedente non rientri nel numero previsto.

Segreteria Organizzativa



Domande ECM

1. Quali delle seguenti affermazioni è vera?
a)    il role playing operatore-paziente può essere considerato una relazione simulata
b)    il role playing operatore-paziente è una caricatura del rapporto
c)    il role playing operatore-paziente si basa su un copione prestabilito

2. La traduzione di role playing è:
a) il ruolo del gioco
b) giochi di ruolo
c) arruolamento

3. Nel role playing è possibile rendersi conto:
a) del linguaggio verbale
b) del linguaggio non verbale
C) sia del linguaggio verbale che non verbale

4. La comunicazione umana procede soprattutto:
a) attraverso il canale verbale
b) attraverso i canali non verbali
c) attarverso vie non ancora conosciute

5. la comunicazione è:
a) sinonimo di informazione
b) un processo bidirezionale
c) un processo unidirezionale

6. In oncologia la diagnosi
a) deve essere comunicata per iscritto
b) non deve essere quasi mai comunicata
c) prevede un processo che può prendere avvio da un referto, ma che comunque deve essere comunicata verbalmente

7. Per comunicazione corretta s’intende:
a) Parlare al paziente con parole semplici
b) Ripetere le informazioni almeno 2 volte
c) Dopo aver parlato nel modo più semplice possibile chiedere al paziente cosa ha capito

8. Quali tra le seguenti molecole antidepressive interferisce con il tamoxifene?
a) mirtazapina
b) paroxetina
c) venlafaxina

9. Il midazolam può essere somministrato per via sottocutanea?
a) no
b) sì
c) sì, ma solo se non sono possibili altre vie di somministrazione

10. Il gruppo Balint prevede:
a) almeno un conduttore
b) non prevede un conduttore
c) almeno due conduttori

11. L’apprendimento nel gruppo Balint avviene:
a) attraverso interpretazioni di simboli
b) per rispecchiamento
c) attraverso la definizione degli obbiettivi

12. Nel gruppo Balint gli interventi dei partecipanti:
a) sono programmati
b) avvengono spontaneamente
c) sono stabiliti dal conduttore

13. Qual è il numero degli operatori che prendono parte ad un gruppo Balint?
a) da 2 a 4
b) 8 – 12
c) non meno di 20

14. Qual è il tipo di dolore dove è raccomandato l’uso degli stabilizzanti dell’umore?
a)    dolore incoercibile
b)    doore neuropatico
c)    dolore idiopatico

15. Quali tra le seguenti classi di farmaci è meglio utilizzare per l’attenuazione della sindrome postmenopausale?
a) gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI)
b) gli antidepressivi triciclici (TCA)
c) Glli inibitori delle monoamino ossidasi (IMAO)

16. Quali tra le seguenti classi di farmaci possono essere usati contro l’attacco d’ansia al posto delle benzodiazepine?
a) neurolettici a bassi dosaggi
b) antiaritmici
c) antidepressivi

17. Tra i seguenti effetti avversi che la maggior parte degli antidepressivi possono presentare, quali possono rivelarsi addirittura terapeutici per quei pazienti oncologici che a causa della malattia o della chemioterapia hanno un dimagrimento patologico?
a)    Nausea
b)    Sonnolenza
c)    Aumento ponderale

18. Quali tra le seguenti classi di farmaci l’oncologo prscrive con maggiore cautela?
a) le benzodiazepine
b) gli antidepressivi
c) sia le benzodiazepine che gli antidepressivi

19. Tra i seguenti fattori quali sono quelli che minano maggiormente i gruppi di lavoro?
a) fattori culturali: il fatto di avere un diverso livello di cultura tra i componenti del gruppo di lavoro
b) fattori religiosi: avere un credo religioso diverso i componenti del gruppo di lavoro
c) dinamiche per assunti di base: l’instauarsi cioè di dinamiche di dipendenza, attacco-fuga e accoppiamento che si stabiliscono prima o poi in tutti i gruppi di lavoro nel caso non vengano elaborate.

20. Quali tra le seguenti esperienze formative può essere utile e allo stesso tempo più innovativa per l’oncologo:
a) Il far parte di un gruppo Balint
b) fare una propria esperienza psicoanalitica
c) far parte, in qualità di osservatore, di una psicoterapia di gruppo per malati oncologici.

PER INFORMAZIONI CONTATTARE IL + 39 0755784107 O SCRIVERE  reteoncol.umbria@ospedale.perugia.it