Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la  Cookie Policy.

Notizie dal mondo

Sulla prestigiosa rivista “The Lancet Oncology”  sono stati pubblicati i risultati di una ricerca (Safety and efficacy of first-line bevacizumab-based therapy in advanced non-squamous non-small-cell lung cancer (SAiL, MO19390): a phase 4 study) svolta in tutto il mondo in oltre 2200 pazienti ammalati di cancro del polmone e coordinata dall’Oncologia Medica di Perugia. Ricerca che confermando il profilo di sicurezza della chemioterapia con l’associazione dell’anticorpo monoclonale “bevacizumab” ha dimostrato la possibilità di estendere la sopravvivenza mediana del tumore del polmone oltre i 14 mesi.
Questo studio, che ha già avuto una importante risonanza internazionale, rappresenta un motivo di soddisfazione per tutti gli operatori della nostra azienda con i quali ritengo opportuno condividerlo.
          Dr. Lucio Crinò

Drirettore S.C. DI ONCOLOGIA MEDICA Az.Osp. Perugia   

 

Accesso all'articolo completo riservato agli operatori registrati

Consensus conference
Ottimizzazione della conservazione dei tessuti neoplastici mammari da destinare a indagini biomolecolari
Responsabile Scientifico Prof. Angelo Sidoni
6 giugno 2008
Park Hotel • Via Alessandro Volta, 1 - Perugia - Ponte San Giovanni

 

Download conference report

E’ italiano e coordinato da Perugia il primo studio che documenta l’efficacia della profilassi eparinica nella prevenzione delle complicanze tromboemboliche durante chemioterapia. 

Durante il congresso dell’American Society of Hematology, svoltosi a S.Francisco dal 6 al 9 Dicembre 2008,che ha visto la partecipazione di oltre 10.000 ematologi di tutto il mondo, lo studio italiano PROTECHT è stato presentato in sessione plenaria, insieme ad altri cinque studi, selezionati su oltre 9.000 presentazioni.
Lo studio ha valutato in maniera controllata l’efficacia della nadroparina, un’eparina a basso peso molecolare, nel ridurre le complicanze tromboemboliche, venose ed arteriose, che sono evenienza non infrequente nei pazienti oncologici soprattutto in corso di chemioterapia.
Questi eventi sono in grado di condizionare negativamente la prognosi dei pazienti, ne complicano la gestione e sono associati ad un incremento di mortalità.
Lo studio multicentrico italiano PROTECHT, sostenuto finanziariamente dalla Italfarmaco e coordinato dai Prof. G.Agnelli e M.Tonato dell’Azienda Ospedale – Università di Perugia, ha arruolato circa 1200 pazienti ambulatoriali affetti da vari tipi di neoplasia ed in trattamento chemioterapico presso numerosi centri oncologici italiani. Importante è stato il contributo dei centri umbri , in particolare quello dell’oncologia medica di Perugia e di Terni, ma anche dei servizi oncologici dell’ASL 1 e 2 .
 Come ha avuto modo di sostenere il Prof. Agnelli, che ha presentato i risultati della ricerca a nome del gruppo,lo studio ha dimostrato una riduzione statisticamente significativa delle complicanze tromboemboliche sintomatiche (obiettivo primario della ricerca) nel gruppo trattato con l’eparina a basso peso molecolare nadroparina calcica, in confronto a placebo. Una osservazione di particolare significato è il rilievo di una frequenza elevata di complicanze tromboemboliche (circa il 9%) nei pazienti con tumore del polmone; anche in questi casi l’eparina ha confermato una incoraggiante efficacia profilattica, con una riduzione del rischio superiore al 50%.
Nelle valutazioni generali degli Autori, si tratta di uno studio che risponde alla carenza di evidenze su questo argomento recentemente puntualizzata dalle principali linee-guida internazionali. I risultati dello studio PROTECHT potrebbero configurare un significativo indirizzo per la pratica clinica, e costituiscono in ogni caso uno stimolo per approfondimenti di ricerca in un settore di particolare rilievo da un punto di vista assistenziale.
Inoltre ,sulla base anche di questa esperienza, si sta preparando, nell’ambito delle attività del Centro di Riferimento Oncologico Regionale dell’Umbria la costituzione di un gruppo di lavoro per la problematica trombosi-cancro che comprenda tutte le professionalità interessate allo studio e alla ricerca in questo ambito che, come detto, potrebbe avere notevoli sviluppi.

 

Leggi Articolo correlato  del Corriere dell'Umbria del 29 Dicembre 2008

June 25-27, 2009
Rome, Italy
 

Call for Abstracts Authors with new research are invited to submit an abstract for review by Scientific Committee at www.mascc.org. You do not have to be a member of MASCC to submit an abstract. All accepted abstracts, which will be eligible for oral or poster presentations, received prior to February 15, 2009 will be published in Supportive Care in Cancer and will be distributed to Symposium attendees. Abstracts received after 5 PM EST February 15, 2009 will not be considered. For additional information, including submission instructions and guidelines, please visit the Website at: www.mascc.org.

PER INFORMAZIONI CONTATTARE IL + 39 0755784107 O SCRIVERE  reteoncol.umbria@ospedale.perugia.it