Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la  Cookie Policy.



In data 03 marzo 2010 , a seguire il mandato del CCR, si è insediata la Commissione della ROR per l’informatizzazione in oncologia.
Alla riunione, iniziata alle ore 16.00 presso l’aula 1 della Direzione generale sanità, erano
presenti i seguenti referenti per l’informatica, individuati dalle singole aziende :

ASL 1   Dott. Pierangelo Bianchi ( informatico ), Dott. Michele Montedoro ( oncologo )
ASL 2   Ing. Alfiero Ortali ( informatico ), Dott. Riccardo Rossetti ( oncologo ),
             Dott.ssa A.Maria Scarpelloni  ( farmacista )
ASL 3   Sig. R. Marcotulli  ( informatico ), Dott.ssa R. Moraldi ( direzione sanitaria )
ASL 4   Dott. Andrea Sdrobolini ( oncologo )
Azienda Osp. Perugia : Sig. Giuseppe Cinesi ( informatico ), Dott. Rolando 
              Moroni( farmacista )
Azienda Osp. Terni : Sig. Riccardo Alessiani ( informatico ), Dott. Damiano 
              Parriani( oncologo ) Dott.ssa. Arianna Varazi ( farmacista ).

Inoltre erano presenti il Prof. Francesco La Rosa e il Dott. Fabrizio Stracci per RTUP, la Dott.ssa Paola Casucci e l’Ing. Barbara Gamboni per il servizio informatico della Regione, il Prof. Ing. Paolo Valigi e l’Ing. Fortunato Bianconi del Dipartimento di Ingegneria informatica e della comunicazione dell’università di Perugia, e il Prof. Maurizio Tonato, coordinatore della ROR.
Era anche presente, come invitato, l’ing. Melegari della LOG-80 srl di Forlì.
Dopo una breve introduzione del Prof. Tonato e dell’Ing. Gamboni sul ruolo e prospettive di lavoro della commissione, è stato riportato lo stato attuale per quanto attiene alla operatività informatica delle singole aziende ospedaliere e sanitarie.
Ne è derivato un quadro di relative buone condizioni delle infrastrutture informatiche ma di ancora scarsa implementazione nella pratica clinica quotidiana.
La difficoltà principale sembra risiedere nella mancanza di programmi informatici comuni e nella difficoltà oggettiva degli operatori a intraprendere percorsi innovativi in una condizione generale di superlavoro.
L’adozione di un programma regionale comune per le anatomie patologiche e per gli screening potrebbe dare il via a quella serie di interazioni permettenti l’avvio di una attività veramente integrata soprattutto con l’ RTUP, in grado di svolgere oggi anche un ruolo di tipo valutativo, ruolo sempre più importante in un sistema a rete.
In questa prospettiva è stato poi presentato da parte dell’Ing. Melegari di Forlì il sistema informatico LOG-80 già acquisito dall’Azienda Ospedaliera di Perugia che potrebbe permettere la gestione razionale della chemioterapia, e non solo, in una dimensione regionale.
Sarebbe sufficiente l’approvazione da parte delle singole aziende che non avrebbero costi aggiuntivi, se non quelli legati alla formazione degli operatori e alla disponibilità dell’hardware nei luoghi di lavoro.
L’ing. Melegari ha illustrato i vantaggi che il sistema, a regime, può comportare sia in termini di razionalità delle operazioni, di sicurezza ed anche di risparmio per es. per il consumo di farmaci.
I commenti dei presenti sono stati alquanto favorevoli ma di nuovo è stata messa in evidenza la criticità dell’avvio delle procedure da parte dei clinici.
A questo proposito il dott. Crinò, non presente alla riunione per concomitanti altri impegni, ha fatto tempestivamente sapere al  Prof. Maurizio Tonato che avvierà presto una graduale implementazione del LOG-80 nel Day Hospital dell’oncologia, potendo contare sull’aiuto di un informatico che potrebbe fare da tutor per gli oncologi.
Al termine della riunione si è pensato di proporre entro la fine del mese di marzo la convocazione della commissione con i seguenti obiettivi operativi:
1) Piano operativo per l’utilizzo all’interno dell’oncologia dell’Azienda Ospedale Perugia del sistema LOG-80
2) Avvio processo d’insediamento dell’applicativo presso le altre Aziende regionali:
- individuare procedure di accordo tra Azienda Ospedale Perugia e le altre Aziende per la condivisione del sistema.
- individuare ed implementare soluzioni tecnologiche di rete per l’accesso al sistema LOG-80
- individuare referente clinico all’interno di ogni struttura ( scelta basata sulla motivazione del clinico )
- individuare un referente tecnico-informatico all’interno di ogni Azienda per favorire l’implementazione del sistema.
Nel corso della discussione si è evidenziata l’importanza di realizzare il progetto in forma unificata tra le sei Aziende, condividendo in questo modo, non solo il software ma anche le basi di dati e le modalità di implementazione.
Tale scelta, sarà inizialmente più onerosa in termini di organizzazione in rete e renderà necessaria la revisione delle modalità organizzative ed operative che oggi sono utilizzate all’interno di ciascuna Azienda.
La completa condivisione in rete del sistema porterà però maggiori benefici in quanto consentirà la condivisione delle informazioni dei pazienti anche tra diverse aziende (secondo politiche di accesso condivise),  e la completa confrontabilità dei dati.

Con l’auspicio da parte di tutti che ciò possa realizzarsi a breve, la seduta si è conclusa alle ore 18.15.


      Prof. Maurizio  Tonato                                         Ing. Barbara  Gamboni

PER INFORMAZIONI CONTATTARE IL + 39 0755784107 O SCRIVERE  reteoncol.umbria@ospedale.perugia.it